Culotte

“Non vuole provare anche il perizoma? Aspetti glielo porto, sempre in nero vero?”

Le porse il perizzoma nero, lei si sfilò le culotte e lo provò.

“È perfetto signora le sta benissimo!”

La aveva convinta, pagò ed uscì. 

Lei piegò le culotte e le infilò in un cofanetto rosso sotto la cassa. Era brava con le clienti, lo faceva fin da ragazzina quando sua mamma le lasciò quel negozio di intimo. Le sapeva mettere a loro agio, le consigliava, aveva imparato a dosare i gesti, le parole, il tono della voce. 

Aveva imparato che nel camerino non doveva mai guardarle in viso, lo sguardo di una sconosciuta risvegliava il pudore. Ma lei non lo faceva mai, per lei erano solo corpi e lei si nutriva di corpi. Ogni corpo per lei era una perla, ne aveva veduti a migliaia, giovani, vecchi, magri e sformati, ma ognuno era come un’opera d’arte ai suoi occhi e lei li amava tutti.

Quando arrivò a casa sì spogliò e si stese nuda sul letto e aprì il cofanetto rosso. 

Dolcemente estrasse le culotte e se le appoggiò sul viso, le annusò, le ricordavano il profumo della pelle di quel corpo. Si accarezzò lentamente il collo sentendo il pizzo nero che le pareva morbido e caldo, come labbra. 

Poi quel pizzo iniziò ad accarezzarle il seno, dapprima lentamente, poi in modo sempre più deciso. Ora erano mani, mani che racchiudevano i suoi capezzoli, che li stringevano fin quasi a farle male. Il suo respiro si fece profondo, piccoli gemiti e parole spezzate.

Le mani di pizzo la accarezzavano, la frugavano, le cosce… il culo… erano bagnate come lei, le sfioravano il clitoride gonfio, la penetravano mischiando i loro umori. Ansimava, implorava quelle mani di non fermarsi… di continuare… di farla godere… di farla venire… e così fu.

Appoggiò le culotte fradicie sul suo petto, ora erano pesanti, erano il corpo del camerino che mollemente giaceva addormentato sul suo petto. 

Mentre il suo respiro e il suo cuore rallentavano le baciò dolcemente. 

“Buonanotte amore”

Annunci

29 thoughts on “Culotte

  1. Per me è sempre difficile commentare i post di narrazioni erotiche. Trovo spesso che siano banali o già sentite (per questo non seguo molto questa tipologia di scrittori). Devo dirti però che questo tuo post ha un che di interessante dalla parte dell’eleganza. Racconti ma con quella distanza necessaria a non cadere nella descrizione scontata. Perciò complimenti. E, aperta una parentesi di altro tipo, abbiamo tutti una vena di feticismo nel corpo. A presto 🙂

    Liked by 3 people

      1. ora ho finito di lavorare e il pc rimane in ufficio… 😀
        da casa col cell, dipende dal bradipo dentro alla connessione senza giga! ma quando ste connessioni lo permettono faccio giretto qui da te! beh i primi due post promettono bene eh!

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...