Cena di Natale

cena

L’iconcina verde sullo schermo diceva 75. A pochi giorni dalla cena si scatenavano tutti. Come se ognuno si sentisse in obbligo di dire qualcosa, anche se non aveva niente da dire, anche se per il resto dell’anno aveva taciuto. Era sempre stato così, prima erano telefonate, ma almeno quelle arrivavano solo la sera e lei poteva dire che non aveva sentito, che era sotto la doccia o che era uscita. Poi furono gli SMS, quei dannati messaggini che ti regalavano nelle offerte Christmas-qualcosa di Tim o di Vodafone, ma nessuno poteva sapere se li aveva letti. Poi WhatsApp cambiò tutto, ora tutti sapevano.

Organizzavano quella cena di Natale da oramai vent’anni… tutti gli anni, per vedersi con gli amici storici, così si diceva, anche quelli che amici non erano più. E il gruppo si era allargato, fagocitando nuove persone, i fidanzati e alla fine i mariti e le mogli. E lei, che il Natale lo odiava da sempre e che riusciva a sfuggire a cene aziendali, ritrovi di compagni delle elementari organizzati su facebook (“dai pensa che bello ritrovarci tutti dopo trent’anni“) a questa cosa non aveva mai trovato la forza di sfuggire.

Ci si ritrovava sempre nello stesso posto, perché era quello dove ci si trovava allora, davanti al liceo:

“Cazzo… manco me lo ricordo più il liceo! In un privè lo dovremmo organizzare e forse non sarebbe divertente manco li!”.

Lui sapeva che era isterica mentre si vestiva per uscire, lo era tutti gli anni e come sempre le stava vicino. Le si avvicinò mentre era davanti al grosso specchio in bagno che si truccava e la abbracciò da dietro. In mano aveva un pacchetto avvolto nella carta di giornale.

“Ti ho preso un regalo, tieni.”
“Oh cazzo, ti ci metti pure tu con i regali di Natale… almeno tu no…”
“Allora non è per Natale, è per sta sera. Aprilo, se vuoi lo puoi indossare.”

Non le aveva mai fatto un regalo di Natale, magari lui avrebbe anche voluto, ma lei li odiava e lui la rispettava. La novità la incuriosì e veloce strappò la carta di giornale. Vide la scatola e rise.

“Lo indosserò sicuramente!”
“Questo però lo tengo io cara” disse lui con un sorriso.

Ed eccoli, tutti intorno a quel tavolo. C’erano quelli che avevano scelto il look finto giovane, per far vedere che il tempo non era passato e che si vestivano come al liceo… e forse i vestiti erano davvero ancora quelli, ritrovati in qualche cassetto, visto come tiravano sulla pancia e sul culo. C’era il look da baldracca attempata, che faceva ridere più che voglia, e c’erano i finti ricchi, che se vuoi far vedere che ora sei nei VIP, impara almeno a fartelo il cazzo di nodo alla cravatta!

“Ma si sai… ho poi preso la cucina azzurra… mi sono detta… un po di freschezza no?”

zzzzz… “Oh…” lei sgranò gli occhi quando lo sentì e lo guardò. Lui le sorrise malizioso, la mano in tasca.

“Si si l’ho vista su quella rivista che mi ha consigliato la Elisa, ti da un sacco di consigli utili”

zzzzz…zzzzz… “Bello!” disse con voce un po’ strozzata.

“Pensa c’era un articolo su come preparare delle coroncine rosse con della carta, li voglio mettere sulla tavola a Natale quest’anno come segnaposto!”

zzzzz… zzzzz… zzzzz… “Oh… siiiii, bello!”. Lui  premeva il telecomando e l’ovetto che le aveva regalato vibrava dentro di lei facendola fremere!

“Dai adesso sparecchiamo e facciamo la tombola!”

zzzzz… zzzzz… zzzzz… zzzzz… zzzzz… zzzzz… “Oh si, si, siiiiiiiiiii!”

 

 

Annunci

110 thoughts on “Cena di Natale

      1. E’ una commedia divertente, non un capolavoro ma strappa qualche risata e qualche riflessione. Insomma un 6 per me se lo merita!:-D

        Mi piace

      2. ahooo…nel caso non ti piacesse sappiscilo: io ho una mia visione delle cose particolare e quel che di solito piace a me non piace al resto del mondo! 😀

        Mi piace

      3. Io ora uso torrent solo se proprio devo cercare altrimenti sto su un livello passivo nel senso che sono iscritto ad un gruppo in cui ogni giorno c’è l’invio di link diretti da cui scaricare. Alla fine se qualcosa mi interessa la prendo da li andando direttamente al server in cui sta il contenuto.

        Mi piace

      4. Immagino sia la citazione del film sulla vera storia dei 2 più grandi imbroglioni del secolo! Si, i veri pirati sono ben altri…

        Mi piace

      5. Si vero!Ed anche abbastanza onesto nel raccontare fatti che la gente normale non conosce. La maggior parte davvero è convinta che siano stati due geni che si sono fatti dal nulla…grrrr

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...