L’invito del capo

Ok, va bene oggi ho le balle girate. Non è a causa vostra, lo so. Non ve ne sto facendo una colpa, davvero! Gentilmente non vi sopporto, miei cari colleghi. Ad onor del vero dopo un paio di risposte a grugniti quasi tutti voi, dotati di perspicacia, avete capito e mi state lontani.

E io, standomene per i fatti miei, sto decisamente meglio. Una bella passeggiata in pausa pranzo in questo schifo di quartiere dominato da due centri commerciali e quattro supermercati, in cui qualche genio dell’urbanistica è riuscito a collocare quello che definisce un giardino dentro lo scheletro di uno stabilimento industriale dismesso. Enormi palazzoni multicolore che sono la peggiore eredità delle olimpiadi del 2006.

Ma non mi importa, il camminare mi fa bene, uscire, starmene un po’ per i fatti miei. Telefonarti e sentire la tua voce… adoro la tua voce, sempre.

Qualche ora e torno da te.

Rientro in ufficio, apro Outlook e leggo la mail:

Da: Il capo
Inviato: mercoledì 16 dicembre 2015 13:22
A: Tutti
Oggetto: biccherata d’auguri

E’ sempre bello chiudere un anno di lavoro facendoci gli auguri per l’avvio di un nuovo ciclo che speriamo sia ricco di stimoli e prospettive nuove!
Siete tutti invitati Martedì 22 dicembre alle ore 19.00 per un Apericena con brindisi.
Per esigenze organizzative è gradita la conferma entro venerdì 18.
Grazie a tutti!
La direzione

e che palle!

Annunci

38 thoughts on “L’invito del capo

    1. mi tocca, mi tocca, me ne sono fatto una ragione, mi tocca da 10 anni 🙂
      poi mi rassegno, ma tutti gli anni, quando leggo la mail di invito ho un impeto di ribellione 🙂 Sarà così che nascono i serial killer 🙂

      Mi piace

      1. niente da fare , non puoi, maschio sei, a volte la maledizione di eva con i suoi dolori è utile: adduci la scusa all’ultimo momento la prima volta, il secondo anno ripeti, il terzo…un direttore ..astuto…non te lo chiede più di partecipare, un uomo è sempre in imbarazzo quando spieghi l’origine dei tuoi intollerabili dolori 🙂

        Liked by 1 persona

      2. sì ho capito, in ritardo, ma no, è altra cosa…io i dolori tipo parto li ho davvero…e se per lavorare mi imbottisco di antidolorifici…posso ben chiamarli in causa per evitarmi una rottura di corbelli…

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...