Incontro al buio

tumblr_mvnmzyXvaG1qaj54do1_1280

Giocava a Tinder, così diceva lei. Era divertente svogliare quel catalogo umano di possibili corteggiatori o semplici scopatori per una notte. Migliaia di vite scorrevano su quello schermo, visi, mani, pezzi di corpo. Ognuno aveva dietro una persona, una storia. Come era finito in quella “scatola”? Era solo o aveva un rapporto che non lo soddisfava? Cercava davvero un amore o voleva solo scopare? Era troppo timido o solo pigro?

E lei perché era li? A volte se lo chiedeva. Con un gesto, un semplice movimento di un dito poteva scegliere il destino di un incontro, era una sensazione di potenza impagabile. A volte, se vedeva una foto particolarmente stuzzicante iniziava anche qualche scambio di battute in chat, ma poi tutto finiva li. Non era li per scopare, era li per giocare, per dominare con un dito il destino di un altro, questo si diceva sempre.

Quella sera incontrò qualcosa di nuovo. L’immagine del profilo non era altro che un quadrato nero, nel quale sembravano intravedersi due corpi abbracciati. O forse le era solo sembrato di vederli. Incontro al buio era il suo nic.

Questa mancanza di foto la disturbava. Non vale pensò, con te non posso giocare! Va bene, cambiamo le regole, giochiamo diversamente! Vediamo chi sei. E il suo dito andò verso desta. Provò il brivido del giocatore di poker.

“Ciao che strana foto. 🙂 Chi sei. Incontro al buio? potrebbe essere stuzzicante…”

Sei sicura di essere pronta?

“Pronta per cosa scusa? non ho mica capito. :)”

Per vivere l’esperienza sensoriale più sconvolgente della tua vita.

Ma chi si credeva di essere? Scoppiò a ridere. Pensava di essere irresistibile? Le avrebbe fatto vedere lei! la parte dominante del suo carattere stava prendendo in sopravvento.

“Si sono pronta!”

Mentre si recava all’indirizzo stabilito per l’appuntamento provava una starna sensazione di agitazione ed eccitazione. Per un attimo ebbe l’istinto di lasciar perdere tutto. Come si era cacciata in quella situazione? Ripensò a quello strano scambio di messaggi. Solo ora si rese conto che di “Incontro al buio” non sapeva neppure se fosse un uomo o una donna. Quel pensiero la eccitò.

Arrivata a destinazione si trovò davanti a una bella villa circondata da un parco. Alla porta un distinto signore in livrea la accolse e la condusse in un ampia camera da letto elegantemente arredata, chiuse la porta e uscì lasciandola sola. Al suono di un campanellino la luce si spense e rimase completamente al buio. Tutto era studiato nei dettagli per permettere un’esperienza completamente avvolta dall’oscurità.

Quando sentì entrare qualcuno nella stanza ebbe un brivido. “Incontro al buio” non parlò. Non avendo né voce né vista tutti gli altri suoi sensi erano tesi per cogliere e percepire ogni sfumatura. Due mani la fecero sdraiare sul letto e lentamente la spogliarono. Cercava di capire a chi potessero appartenere quelle mani. Era grandi come mani da uomo, ma morbide e profumate come quelle di una donna.

Quelle mani si fecero lentamente strada sul suo corpo. Le massaggiarono i piedi e man mano salirono lungo le sue cosce. Una lingua iniziò ad esplorare il suo collo, la sua nuca, scese lungo la schiena fino ad arrivare al sedere, dandole brividi improvvisi. Non sapeva quale parte del corpo avrebbe toccato, sfiorato e leccato. Il buio completo le impediva di capire in anticipo le sue mosse e quella era la parte migliore.

Le mani di colpo smisero. Un fruscio come di seta, una sciarpa forse. I suoi polsi vennero legati. Le mani ripresero a toccarla. Un vibratore o forse un plug le penetrò lentamente il culo, mentre le mani sconosciute premevano sempre più incessantemente sul suo clitoride. Era completamente in balia di quelle mani e di quella lingua e il buio pareva intensificare le sensazioni di 10, 100, 1000 volte. Ebbe un orgasmo incredibilmente intenso. L’esperienza sensoriale più sconvolgente della tua vita.

Quando la luce si riaccese era sola, e la sciarpa di seta bianca che le aveva legato le mani giaceva per terra al bordo del letto.

Annunci

41 thoughts on “Incontro al buio

  1. Ciao ali!
    Partendo dal presupposto che non sono scrittrice e non mi interessa se le scemate che scrivo vengano lette o no.
    Partendo dal presupposto che a me piaceva scambiare battute ed opinioni con te e prima eri un po diverso.
    Partendo dal presupposto che a me piace tanto quando scrivi i tuoi racconti.
    Visto che pero non ti viene mai in mente di venirmi a fare un saluto, anche senza leggermi.
    Visto che puô anche essere che non interessi sta cosa.
    Visto che a me non va di rompere le scatole e magari siete solo x voi.
    E visto che pero se una cosa mi piace la leggo, magari posso farlo in silenzio.
    Te l’ho scritto perche mannaggia a me se penso una cosa la evo dire x.forza! 😨😨☺
    Buona giornata caro!

    Liked by 1 persona

      1. Ed io ti ripeto che Non mi interessa tu mi legga… Se poi n9n hai voglia di parlare con me o venire a salutarmi anche senza leggere le scemate che scrivo! Che puo succedere eh! Non ho un blog x pubblicizzare qlc. L’ho aperto senza sapere che voleva dire e sono rimasta perche ho scoperto che ci si puo scambiare opinioni e a vokte ë piu interessante leggere voi che un libro.
        Oh intendiamoci, non è polemica eh… Solo un esporre un mio pensiero ad una persona che pur non conoscendola stimo mi piace chiacchierare.
        Comunque scusa e buona giornata!

        Liked by 1 persona

      2. Mi sembra che stiamo parlando. Scrivo e commento sugli articoli che mi ispirano un commento, anche solo una cagata. Non credo nel commento come forma di saluto. Nè nel like messo solo per dovere o per far vedere che sono passato.
        Se commento o metto un like è perchè mi sento di farlo. Ti leggo, se mi viene da scrivere qualcosa lo faccio se no mi astengo. Se mi scrivi mi fa piacere conversare. Ma sono fatto così. Spero che tu mi comprenda e ti basti.

        Mi piace

      3. Oh vabbe… Non mi sono spiegata… I like neanche li guardo… Anche perche sto col cell e si accavallano e non vado mai a vedere chi mette i like. Io stessa x commentare il like non lo metto quasi mai e te ne sarai pure accorto.
        Non riesco a spiegarmi…. Se una cosa mi piace la leggo a prescindere. E non mi interessa si legga me. Era solo sapere il tuo pensiero riguardo al mio. A me piace farmi sentire ma se fastidia faccio un passo indietro.
        Ora che mi hai detto che non è cosi, a posto.
        Ma il senso del discorso non è che tu non leggi me o metti like. Spero sia riuscita a fartelo arrivare.
        Vabbe. Scusa e buona giornata!

        Liked by 1 persona

      4. Mo te mozzico! Eh ma se manco si puo dire un pensiero… Che poi a scriverlo mi si accartoccia e non mi spiego è un altro conto! E io prendo sempre tutto con leggerezza, ma ogni tanto chiedere non credo sia na cosa brutta!
        Vië qua che ti offro un caffè! Damose un bacetto e facciam pace!

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...