Sulla panchina – Gola di velluto #8

Kinkynora, che ringrazio, mi ha promesso un suo racconto per la mia rubrica a patto che io “facessi la mia parte”. Potevo forse rifiutare? Per capire quale fosse questa parte non vi resta che leggere il racconto qui sotto. Non ve ne pentirete.

Il problema di Nora e gli appuntamenti. Cerca di uscire sempre almeno mezz’ora prima di quanto farebbe una persona normale per arrivare con congruo anticipo e non rischiare ritardi, ci possono sempre essere dei contrattempi, no? Beh a volte i contrattempi sono a favore: niente traffico, tutti semafori verdi ed ecco che ora è sul luogo dell’appuntamento con più di un’ora di anticipo. Sono la solita, che cazzo ci faccio qui alle tre del pomeriggio, l’appuntamento è alle 16.15… Posso sfruttare il tempo per finire di leggere quel romanzo, mi mancano poche pagine

Si dirige verso una panchina sotto un grande albero, ci sono poche persone nel piccolo parco, la temperatura è gradevole, non c’è vento. Nora si siede e tira fuori il suo tablet dalla grande borsa, si sistema al centro della panchina, accende il tablet e inizia la sua lettura.

Tiene il tablet con entrambe le mani, leggermente sollevato dal suo grembo, la schiena dritta, l’angolazione dello schermo le permette di tenere la testa in una posizione dignitosa, odia vedere le persone ingobbite sopra i loro dispositivi. Gli occhi scivolano veloci, divora riga dopo riga scorrendo le ultime pagine di quello splendido romanzo; avrebbe preferito finirlo a casa nel suo letto perché, visto l’argomento altamente erotico, avrebbe potuto accompagnare la lettura con qualche coccola intima.

Mentalmente segna i pezzi da rileggere più tardi, almeno due momenti meritano una seconda lettura in solitaria. Le labbra si schiudono, il respiro è pesante, ormai si è estraniata completamente da ciò che la circonda, totalmente avulsa dalla lettura. L’ultima pagina è una vera rivelazione, le fa battere il cuore con un colpo di scena assolutamente imprevisto (non sarebbe un colpo di scena altrimenti…).

Lascia cadere le braccia sulle gambe e stringe il tablet sul ventre. Si guarda in giro un po’ spaesata, ha perso completamente la nozione del tempo. Guarda l’orologio e con piacere scopre che è riuscita a far passare quasi tre quarti d’ora. Si sente molto eccitata per la lettura appena conclusa, un sorriso spontaneo le si disegna sul volto. Ripone il tablet e prende il cellulare. Controlla le mail Incredibile quante mail mi arrivano in poco più di mezz’ora! Uffa… le leggerò domani dall’ufficio… oh un messaggio di Franco! Chissà se riusciremo a rivederci, almeno per un film… Che scemo, mi manda sempre notizie sconce da dagospia! Nora ora sorride divertita davanti allo schermo mentre legge il messaggio di Franco.

Un po’ di cazzeggio sui social ed ecco che può alzarsi per prendere un caffè prima di arrivare al suo appuntamento con un anticipo accettabile. Ripone il cellulare e prende la borsa. Si alza un po’ indolenzita per essere rimasta troppo a lungo in quella posizione.

“Solo un attimo, aspetta solo un altro minuto per favore, non andartene proprio ora”


Nora si volta cercando di capire la provenienza della voce. Un uomo seduto in una panchina di fronte alla sua si sta alzando e si dirige verso di lei. Si guarda intorno per capire meglio  ma sembra ce l’abbia proprio con lei.


“Mi scusi… dice a me?”

“Certo. Ero qui tutto il tempo, da quando ti sei seduta sulla panchina e non ho potuto fare a meno di osservarti, avevi un’aria così assorta, sognante e… intrigante allo… stesso… tempo…”

L’uomo raggiunge Nora, regge in mano un blocco da disegno, mentre cammina continua a tracciare dei segni sul foglio. Rimane davanti a lei per qualche istante, insistendo su linee e curve sul foglio, lo sguardo fisso sul suo lavoro. Un sorriso e finalmente alza lo sguardo verso Nora. Gira il foglio e glielo mostra con orgoglio.

“Oh!” Nora non riesce a trattenere un gridolino di stupore. Sul foglio c’è lei, bendata e legata, le mani dietro la schiena. Si intravede la panchina sulla quale era seduta poco prima. Si vede solo la parte superiore del suo corpo, nudo e attraversato da corde e nodi tipici dello shibari: il seno è completamente esposto, imbrigliato, trattenuto ed esaltato dagli intrecci delle corde. Il volto è parzialmente coperto da una benda che nasconde gli occhi e gran parte del naso, i capelli ricadono fluenti sulle spalle nude. La smorfia sulle sue labbra sembra immortalare un gemito, di piacere, di timore, non è dato saperlo. Nora continua a fissare i dettagli di quel disegno.

“Ti piace? Eh? Che te ne pare?”

Nora si schiarisce la voce per dissimulare l’imbarazzo.

“Ma… perché… perché mi hai ritratta così?”

“Non lo so… mi è venuta così. Ti sei offesa? Non ti piace?”

“No, non mi sono affatto offesa, è un bellissimo disegno, mi piace proprio tanto…”

“Mi spiace averti bendato, ma con questi occhiali da sole che ti coprono fino agli zigomi non è stato facile immaginarti…”

“Hai ragione… Ma mi piace molto anche il fatto che abbia deciso di bendarmi, sembro quasi la statua della giustizia!”

“Ah… vero, ma non era quello che avevo in mente…” ridono entrambi.

“Sei carino, mi hai fatto decisamente più esile di come sono in realtà… ma la somiglianza è davvero impressionante. Sei proprio molto bravo…”

“Grazie! Bene, questo è tuo. Però… non vorrei separarmene perché mi piace proprio tanto…” L’uomo guarda con apprensione il suo disegno.

“Ecco… ti do il mio indirizzo email, così puoi spedirmene una copia e tu tieni l’originale, va bene?” Nora tira fuori un post-it dalla sua borsa, ci scrive sopra nome e email e lo porge all’uomo.

“Sì, è un’ottima idea, grazie, te lo invio appena arrivo a casa… Nora”

Uno sguardo all’orologio: le 16:10.

“Scusami, ma io ora devo proprio scappare, sono quasi in ritardo…”

“Certo, a presto Nora, ci sentiamo, via mail”

Nora cammina a passi lunghi per raggiungere il portone, ma la pervade la strana sensazione di aver dimenticato qualcosa.Il caffè, certo, ecco cosa ho dimenticato, ma ormai non c’è proprio più tempo… pazienza, ci ho guadagnato uno splendido disegno!Sorride e sparisce dentro l’ascensore.

Se volete mandarmi la vostra storia o la vostra fantasia vi ricordo che potete farlo scrivendomi una mail a alidivellutoblu@yahoo.it o, in modo assolutamente anonimo, tramite questo form.

Annunci

60 thoughts on “Sulla panchina – Gola di velluto #8

      1. non è vero ali…!
        questi post in collaborazione sono molto belli perchè i racconti sono scritti molto bene e tu abbini perfettamente le illustrazioni… tra l’altro si vede che è una passione che ti appartiene perchè sono bellissime e sembranno vivere…
        ma… quanto erano belli anche i tuoi post… erotici… sensuali… ma anche cosi dolci, avvolgenti… coccolosi…
        mi mancano… davvero…
        era anche un’altro periodo qui su wp… tutto cambia e tutto passa, si… un po di nostalgia…
        cmq torna a scrivere perchè ci si cadeva dentro…
        buona domenicaaaa…. io tra cinque minuti stacco dal lavoro! yuppie!

        Liked by 1 persona

  1. Io devo dire che quando ho visto il disegno ho “gridolato” proprio come Nora nel racconto… eh cavolo oh, è bellissimo e anche di più! Le hai fatto due zinne da paura!!! ahahahah!
    È stata davvero una splendida collaborazione e io adoro collaborare negli scritti, questa è la prima volta di una collaborazione racconto/disegno.
    E poi, diciamocelo, arrivare dopo due giorni che ti seguivo e dirti “Oh wow! sei bravissimo! Me lo fai un disegno per Nora?” mica sarebbe stato così figo 😛

    Liked by 2 people

    1. Grazie ancora una volta Nora per i tuoi splendidi racconti e per avermi portato su nuovi lidi davvero molto interessanti, complimenti anche ad Ali che ti ha ritratta benissimo!

      Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...