Gola di velluto – Fine

62041d98ca18de5a895eb59c29ab1c81

Da tempo avevo preparato questo post. La conclusione di un progetto.
Da tanto tempo ho aspettato a pubblicarlo, come il non voler concludere qualcosa che ti ha dato tanto.
14 di voi si sono fidati al punto da confidarmi, magari in segreto o in anonimato, le loro fantasie.
14 di voi mi hanno regalato un loro sogno.
14 storie diverse.

Ho voluto elencarle sotto. A vederle così, tutte assieme, mettono i brividi.
Grazie. E’ stato stupendo.
Manca solo l’ultima storia.


So quello che voglio e non tollererò errori. Ti ho fatto delle richieste ben precise, non accetto sbavature, variazioni ed omissioni. Ho pensato a un copione ben stabilito, cosa dovrai fare e come. Ti ho spiegato i miei gusti e quello che voglio da te. Non ti ho taciuto nulla.

Ti ho specificato l’abbigliamento, fin nei minimi dettagli. Non mi interessa cosa dovrai comprare. Questa è la mia fantasia di cui tu sarai l’attrice.

Ho preteso che mi mandassi una foto del tuo corpo. Solo il corpo, non il viso. Tu sarai solo un corpo, l’oggetto del mio piacere. Non ci saranno baci, sorrisi o parole.

Abbiamo concordato il giorno, l’ora e il prezzo, ma sai bene che se qualcosa non seguirà le regole non avrai nulla.

Suoni alla porta. Apro e ti attendo seduto sul letto. Sento i passi dei tacchi sulle scale, nel corridoio. Sulla porta ti fermi e lentamente fai scivolare via l’impermeabile nero.

Sei come ti volevo, le scarpe, le autoreggenti, l’intimo, al collo il collare di pelle lucida. Sei stata attenta e scrupolosa, hai seguito ogni mio dettame. Sapevo di essermi affidato a una professionista.

Ti accucci a quattro zampe, procedi verso di me. Mi porgi il guinzaglio dorato. Non mi guardi negli occhi, non osi farlo, sai che non devi farlo.

“Ecco la tua cagna, mio padrone.”

“Non ho mai visto una cagna senza coda!”

Prendi lentamente il plug ornato da una morbida coda. Lo inumidisci leccandolo sensuale e lo te lo infili… inizi a leccarmi i piedi. Sali lungo le gambe. Mi sporgo sul bordo del letto in modo che con la lingua tu possa riservare attenzioni alle mie palle e al mio culo.

Mi lecchi l’uccello, con la mano dietro la nuca ti do il tempo.

Con uno strattone del guinzaglio ti costringo ad alzarti. Ti allargo le gambe e inizio ad accarezzarti il clitoride. Sei fradicia, posso sentire il tuo odore, il tuo sapore sulla mia lingua. Ti sento ansimare, gemere, non puoi muoverti lo sai.

Ti passo il vibratore viola.

“Inizia il tuo spettacolo! Vieni per me!”

Con movimenti dapprima lenti, poi sempre più veloci ti masturbi davanti a me. Vedo il cazzo di plastica che entra ed esce da te mentre con l’altra mano continui a torturarti il clitoride.
La tua voce è strozzata, il tuo respiro affannoso. Il vibratore e il plug ti riempiono, si completano, li puoi sentire che sfregano dentro di te, si alternano. Le gambe iniziano a tremarti leggermente, la posizione è sempre più difficile da mantenere, sei scossa da fremiti. Mi piace vederti dover stare in piedi su quei tacchi vertiginosi.

Stai per venire, lo vedo dai tuoi occhi che si velano di piacere. Urli, le tue gambe cedono e cadi tra le mie braccia.

Ti sdraio sul letto.

“Dimmi che vuoi il mio cazzo!”
“Si lo voglio!”
“Chiedimelo, troia! Supplicami!”
“Ti prego, dammi il tuo cazzo. Ora!”

Ti tolgo il plug e mi sdraio sopra di te. Voglio che tu senta il peso del mio corpo schiacciarti, dominarti. Il mio cazzo entra facilmente nel tuo culo già dilatato. Con le mani ti stringo forte i capezzoli, quasi fino a farti male.

Il mio bacino ora da colpi vigorosi, senti i miei coglioni e il mio ventre dietro di te. Gemiamo, le parole si fanno confuse, i respiri pesanti. Vengo dentro di te. Sento il mio sperma che cola tra le tue natiche.

Mi accascio sul letto, sfatto, per un tempo indefinito.

Mi alzo, non ti guardo.

“Prendi i tuoi soldi e vattene”. Raccogli le banconote dal comodino mentre salgo le scale e mi getto sotto la doccia. Lascio che l’acqua mi scrosci addosso.

Dopo poco entri nel bagno, ci guardiamo profondamente negli occhi. Ci amiamo. Lento ti accarezzo le spalle.

“Lascia che ti insaponi la schiena amore!”

Riflettendo un po’.. – Gola di velluto #1
La cicatrice – Gola di velluto #2
The hole – Gola di velluto #3
La prima volta non è mai perfetta – Gola di velluto #4
Olive taggiasche – Gola di velluto #5
Da bambino ero molto sensibile – Gola di velluto #6
Sconosciuti – Gola di velluto #7
Sulla panchina – Gola di velluto #8
Non lo ero – Gola di velluto #9
Buon anniversario – Gola di velluto #10
Dal preside – Gola di velluto #11
Lei – Gola di velluto #12
La Festa – Gola di velluto #13
Intercity notte – Gola di velluto #14

Intercity notte – Gola di velluto #14

img_2861

Una blogger, che preferisce rimanere anonima, mi ha inviato questa sua storia / fantasia.  Mio il tentativo di illustrarla con un disegno ispiratomi dalla lettura.


Salendo sull’Intercity notte per Torino non avrei immaginato che mi sarei trovata alle due del mattino chiusa in uno scompartimento con le gambe aperte, gli slip abbandonati alle caviglie e due dita di donna, non mie, tra le gambe, infilate completamente nella figa, bagnata e gonfia e calda da ustione e aperta dalla voglia di accogliere ben altre dimensioni, mentre una bocca, stessa proprietaria delle dita, mi copriva, succhiandolo, il capezzolo liberato in fretta dal reggiseno abbassato.

Continua a leggere

La Festa – Gola di velluto #13

Una blogger, che preferisce rimanere anonima, mi ha inviato tempo fa questa sua storia / fantasia. 


Si trattava di una cena? Non ricordo. Mi dicesti che era una specie di festa e che avevi organizzato tutto tu.

Ti eri vestito parecchio elegante per i tuoi canoni: giacca, cravatta, calze blu lunghe fino al ginocchio, scarpe inglesi. Chi si stava festeggiando? Io che di solito lavoro dietro le quinte e mi prodigo ad organizzare eventi, mi ritrovo ad un party senza sapere che pesci pigliare? A chi facciamo la festa?

Mi dicesti col tuo fare non curante, togliti i vestiti, non ne hai bisogno, ti basti un intimo striminzito, un leggero trucco e il collare.

Ero eccitata. Sapere di essere alla tua mercè mi faceva morire.

Arrivavano gli ospiti. Uomini, donne. Alcuni eleganti, altri anche in jeans. L’aria di festa si respirava nell’aria, percepivo l’allegria, la spensieratezza. Anche la malizia.

Non era così umiliante scorrazzare dietro di te, mezza nuda. Mi guardavano, sì, ma io ero con te, cosa potevo desiderare di più? Ero il tuo giocattolo, da portare in giro, mostrare quasi indifesa. L’unica cosa che davvero mi premeva era dimostrare a tutti che ero una schiava ubbidiente, consapevole della grande fortuna di essere legata a te da un laccio di pelle. Alla fine ero io che ti avevo scelto, che ti avevo corteggiato. Quante ore dedicate a te nella speranza, sempre traballante, di pensarti mio. Che sciocca! Ma a volte ci si auto convince anche dei fatti più assurdi.

E poi tu ti accomodi sulla poltrona e mi ordini di accucciarmi accanto te. Sono disciplinata, mansueta e soprattutto calma. Seguo con gli occhi il tuo sguardo e senza parole so già cosa pensi, cosa inscena la tua mente, cosa desideri.

Ti metti a chiacchierare del più e del meno con gli altri ospiti, sprofondato in questo finto pellame, mente mi appoggi la mano sul capo. La scena la conosco: mi avvicino inarcando la schiena e con somma lentezza accompagno la zip verso il basso. In pochi secondi mi balza in bocca. Lo annuso, lo lecco, lo adoro. Mi occupo di lui mentre tu racconti chissà che aneddoto. Sembra divertente, tutti ridono. Quello che sembra la scena più assurda del mondo è la nostra normalità. Un gioco di ruoli in cui sono perfettamente a mio agio.

E tu parli, parli ed io ti accompagno all’orgasmo. Ma la vera festa non è ancora iniziata.


Se volete mandarmi la vostra storia o la vostra fantasia vi ricordo che potete farlo scrivendomi una mail a alidivellutoblu@yahoo.it o, in modo assolutamente anonimo, tramite questo form.

Lei – Gola di velluto #12

lei

Una blogger, che preferisce rimanere anonima, mi ha inviato tempo fa questa sua storia / fantasia. E’ rimasta troppo tempo nel cassetto della mia mail, scusa.


Mi metto a cavalcioni su un cuscino, ho voglia, il mio corpo nudo mi guarda dallo specchio, vedo come si posiziona Alex dietro di me, il suo cazzo è già duro e il suo glande sfiora il mio culo, sono ammaliata dalla sua bellezza, dal suo sguardo da predatore misto a dolcezza, dal suo essere gentile sempre, preme la sua asta contro il mio buchetto, il mio sfintere si allenta e si apre un varco dentro di me, fa male, alzo il mio culo mentre stringo forte il cuscino e spingo indietro, fa molto male, prendere un grosso cazzo nel culo risulta eccitante, ma nel momento in cui sfonda all’interno ci ripensi, sapevo che sarebbe stato difficile la prima volta, ma essere scopata da lui era un desiderio, la sua mente e il suo essere sono come sangue bollente che scorre nelle vene, come morte e la morte è bella se non hai paura.

Continua a leggere

Dal preside – Gola di velluto #11

preside

Una blogger che preferisce rimanere anonima mi ha inviato tramite il form questa sua storia / fantasia.


Era seduta di fronte a lui…la fronte corrucciata e le braccia conserte…di quell’uomo che la scrutava…cosa aveva fatto di così tanto grave per essere chiamata dal preside?…e perché la guardava in quel modo…? I suoi occhi grigi intensi la guardavano senza dire una parola…

Stava per aprire la bocca quasi a dire qualcosa..ma poi si fermò quando lui disse “vieni qui”…lei stupita da quella richiesta si alzò e si diresse dall’altra parte della scrivania…ma i loro occhi non si staccarono per un momento… “siediti sulle mie gambe a pancia in giù”…cosa aveva appena chiesto?…lei era così sbalordita ma allo stesso tempo curiosa…e poi parliamoci chiaro…il preside non era per niente male…!

Continua a leggere

Buon anniversario – Gola di velluto #10

77d8377355c268be16c6eaf77a943921

Una blogger o un blogger mi ha inviato tramite il form questa sua storia / fantasia.


Sto preparando la cena per il nostro anniversario, qualcosa di veloce e stuzzicante prima di andare al cinema. È passato tanto tempo dall’ultima volta che abbiamo fatto qualcosa insieme, sei sempre in viaggio o perso in riunioni ed è diventato difficile riuscire a vederci. Per questo abbiamo pianificato la serata con largo anticipo.

Sento sbattere la porta d’ingresso, ti arrivo alle spalle, mi appoggio alla tua schiena, infilo le mani dentro i pantaloni e ti accarezzo. Sei al telefono, mi fai un gesto brusco di rifiuto e continui a parlare.

Torno in cucina con un sospiro di delusione e dopo poco arrivi, spettinato, la cravatta allentata sul collo della camicia stazzonata, uno sguardo perplesso negli occhi che diventa un lampo di contrizione quando ti ricordi del nostro impegno.

Inizi a balbettare una serie di scuse su di una conference call, che ti terrà impegnato per buona parte della serata con un interlocutore oltreoceano.

Deglutisco con calma, spengo il fuoco sotto la pentola, slaccio il grembiule e lo piego con cura appoggiandolo sulla sedia.

Mi piazzo davanti a te, sollevo le mani dietro la schiena per tirare giù la lampo del vestito che scivola in un mucchietto fluido ai miei piedi. Slaccio il reggiseno, lo lascio cadere a terra, poi sfilo il perizoma di pizzo, lo piego a triangolo e te lo infilo nel taschino della giacca.

Continua a leggere

Non lo ero – Gola di velluto #9

437f24f12f8e9e1cfc55ddbcb21df335

Un blogger, che preferisce rimanere anonimo, mi ha inviato questa sua storia / fantasia.


Non ero ubriaco.

No, affatto.

Qualche bicchiere di vino, sì. Poco da mangiare, sì. Ma non lo ero. Nemmeno un po’. Un mese appena, di conoscenza. Colleghi di lavoro, in qualche modo, non direttamente ma insomma, si può dire colleghi.

Poi, una sera a vedere una partita a casa sua. Finita male, peraltro, per noi. Sul divano, in una calda serata. Un vino, sì. Fresco, buono, andava giù. E poi? Poi non so, poi ci vediamo qualche foto? Va bene, con il portatile sulle gambe, foto di vacanze, per farmi capire com’è bello quel posto di mare, foto di amici, di amiche. Poi foto di un’amica, sua. La sua amica, la sua compagna. Si incazzerebbe se sapesse che me le fai vedere? Forse sì, forse no. Io comunque non glielo dico. Che ne pensi? Che ne penso? È bellissima. Continua. Ti piace? Sì. Vuoi un altro bicchiere? Sì. E poi, altre foto. Sue. Al mare. Chi le ha fatte queste? Lei, ci piace fotografarci. Ti dà fastidio se vado avanti a mostrartele? No, affatto. Non so se a lei darebbe fastidio. Allora facciamo che non ti faccio più vedere lei. Va bene. Va bene. Non farmi vedere lei. Cosa mi fai vedere? Mi fa vedere lui. Di schiena allo specchio. Nudo. Le spalle. Nude. Il petto, nudo. Che dici? Che devo dire, niente, guardo. Ma non aggiungo che mi piace guardare, che mi piace, sì. Non sono ubriaco. Per niente. Sono solo eccitato. Nudo, di fronte. Sorridente, con il cazzo di fuori. Non duro. No. Nudo. Se ti dà fastidio non vado avanti, dice. Vai avanti, non mi dà fastidio.

Continua a leggere

Sulla panchina – Gola di velluto #8

Kinkynora, che ringrazio, mi ha promesso un suo racconto per la mia rubrica a patto che io “facessi la mia parte”. Potevo forse rifiutare? Per capire quale fosse questa parte non vi resta che leggere il racconto qui sotto. Non ve ne pentirete.

Il problema di Nora e gli appuntamenti. Cerca di uscire sempre almeno mezz’ora prima di quanto farebbe una persona normale per arrivare con congruo anticipo e non rischiare ritardi, ci possono sempre essere dei contrattempi, no? Beh a volte i contrattempi sono a favore: niente traffico, tutti semafori verdi ed ecco che ora è sul luogo dell’appuntamento con più di un’ora di anticipo. Sono la solita, che cazzo ci faccio qui alle tre del pomeriggio, l’appuntamento è alle 16.15… Posso sfruttare il tempo per finire di leggere quel romanzo, mi mancano poche pagine

Continua a leggere

Sconosciuti – Gola di velluto #7

97873990b03c37836be4e6da50c1b5fe

Una blogger, che preferisce rimanere anonima, mi ha inviato questa sua storia / fantasia.


Non so niente di te, e non voglio sapere niente, so solo che da quando ti sento al telefono mi provochi un ‘eccitazione incontenibile, che se penso al nostro incontro ti voglio nuda, e mia.
Voglio averti.
Al buio nella tua stanza alle 17.
Io e te sconosciuti.

Rimasi a fissare quella mail per qualche minuto, la rilessi e la rilessi ancora. E più la leggevo, più nella mia testa era la sua voce a pronunciare quelle parole.
Dallo stupore (un pazzo?) passai allo sdegno (come si permetteva), per passare al pensiero di un contratto sfumato e la rabbia per il tempo perso (vaffanculo stronzo!) poi esplosi in una risata (era uno scherzo?) e infine, in maniera del tutto inaspettata, mi ritrovai eccitata.
Quella morsa intensa al basso ventre, e alla bocca dello stomaco, il sesso che si contraeva, un brivido lungo la schiena e la sensazione che gli slip fossero intrisi di desiderio.
Echeggiava la sua voce nella mia testa, non più dati e termini tecnici, ma le parole di quella assurda mail.

Continua a leggere

Da bambino ero molto sensibile – Gola di velluto #6

_frate

Per troppo tempo i racconti che mi avete inviato sono rimasti chiusi nelle mie mail. Come già vi dicevo a luglio, me ne scuso, ma ora si ricomincia!

Un blogger, che preferisce rimanere anonimo, mi ha inviato questa sua storia / fantasia.
Piccoli refusi presenti nel testo sono stati da me volontariamente lasciati.

Già quando ero piccolo mostravo dei caratteri che poi si sarebbero resi più evidenti crescendo. Ricordo che non socializzavo bene con gli altri bambini, infatti mi divertivo di più da solo. I miei non capviano perché mi comportassi così oppure non volevano capire.
Sta di fatto che per me l’infanzia è stata sempre molto turbolenta, incasinatissima, un periodo veramente brutto!

Non riuscivo a integrarmi, non mi sono mai integrato. Così quando è arrivato il momento di scegliere ho pensato che la mia strada poteva essere quella del convento. Lì ho conoscuito i momenti più belli della mia vita.

Chiuso nello studio e nell silenzio, tra persone per bene, con gli stessi interessi miei…… Ero finalmente LIBERO!! LIBERO di esprimere quello che mi piaceva e di essere come ero, perché tutti i miei amici là dentro erano come me. Onon mi dicevano nulla se non ero come loro. D’altronde si sa, scaglia la prima pietra chi è senza peccato!

Il primo anno di studio è stato veramente bellissimo! Le lezzioni erano tutte belle ed ilavori tanto e quindi non avevo tempo per distrarmi. Poi però, al seoncdo anno, è successo il problema…..

Continua a leggere