Sconosciuti – Gola di velluto #7

97873990b03c37836be4e6da50c1b5fe

Una blogger, che preferisce rimanere anonima, mi ha inviato questa sua storia / fantasia.


Non so niente di te, e non voglio sapere niente, so solo che da quando ti sento al telefono mi provochi un ‘eccitazione incontenibile, che se penso al nostro incontro ti voglio nuda, e mia.
Voglio averti.
Al buio nella tua stanza alle 17.
Io e te sconosciuti.

Rimasi a fissare quella mail per qualche minuto, la rilessi e la rilessi ancora. E più la leggevo, più nella mia testa era la sua voce a pronunciare quelle parole.
Dallo stupore (un pazzo?) passai allo sdegno (come si permetteva), per passare al pensiero di un contratto sfumato e la rabbia per il tempo perso (vaffanculo stronzo!) poi esplosi in una risata (era uno scherzo?) e infine, in maniera del tutto inaspettata, mi ritrovai eccitata.
Quella morsa intensa al basso ventre, e alla bocca dello stomaco, il sesso che si contraeva, un brivido lungo la schiena e la sensazione che gli slip fossero intrisi di desiderio.
Echeggiava la sua voce nella mia testa, non più dati e termini tecnici, ma le parole di quella assurda mail.

Continua a leggere

Incontro al buio

tumblr_mvnmzyXvaG1qaj54do1_1280

Giocava a Tinder, così diceva lei. Era divertente svogliare quel catalogo umano di possibili corteggiatori o semplici scopatori per una notte. Migliaia di vite scorrevano su quello schermo, visi, mani, pezzi di corpo. Ognuno aveva dietro una persona, una storia. Come era finito in quella “scatola”? Era solo o aveva un rapporto che non lo soddisfava? Cercava davvero un amore o voleva solo scopare? Era troppo timido o solo pigro?

Continua a leggere